• Deducibilità degli interessi attivi di mora

    Nessuna norma autorizza una deroga, per gli interessi attivi di mora, ai criteri d’imputazione per competenza fissati dall’art. 75 t.u.i.r. per tutti i componenti positivi e negativi del reddito d’impresa. La Corte di Cassazione respinge il ricorso dell’Agenzia delle Entrate che aveva recuperato a tassazione interessi attivi di mora ritenendoli Continua
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
  • 50
  • 51
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • 57
  • 58
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • 63
  • 64
  • 65
  • 66
  • 67
  • 68
  • 69
  • 70
  • 71
  • 72
  • 73
  • 74
  • 75
  • 76
  • 77
  • 78
  • 79
  • 80
  • 81
  • 82
  • 83
  • 84
  • 85
  • 86
  • 87
  • 88
  • 89
  • 90
  • 91
  • 92
  • 93
  • 94
  • 95
  • 96
  • 97
  • 98
  • 99
  • 100
  • 101
  • 102
  • 103
  • 104
  • 105
  • 106
  • 107
  • 108
  • 109
  • 110
  • 111
  • 112
  • 113
  • 114
  • 115
  • 116
  • 117
  • 118
  • 119
  • 120
  • 121
  • 122
  • 123
  • 124
  • 125
  • 126
  • 127
  • 128
  • 129
  • 130
  • 131
  • 132
  • 133
  • 134
  • 135
  • 136
  • 137
  • 138
  • 139
  • 140
  • 141
  • 142
  • 143
  • 144
  • 145
  • 146
  • 147
  • 148
  • 149
  • 150
  • 151
  • 152
  • 153
  • 154
  • 155
  • 156
  • 157
  • 158
  • 159
  • 160
  • 161
  • 162
  • 163
  • 164
  • 165
  • 166
  • 167
  • 168
  • 169
  • 170
  • 171
  • 172
  • 173
  • 174
  • 175
  • 176
  • 177
  • 178
  • 179
  • 180
  • 181
  • 182
  • 183
  • 184
  • 185
  • 186
  • 187
  • 188
  • 189
  • 190
  • 191
  • 192
  • 193
  • 194
  • 195
  • 196
  • 197
  • 198
  • 199
  • 200
  • 201
  • 202
  • 203
  • 204
  • 205
  • 206
  • 207
  • 208
  • 209
  • 210
  • 211
  • 212
  • 213
  • 214
  • 215
  • 216
  • 217
  • 218
  • 219
  • 220
  • 221
  • 222
  • 223
  • 224
  • 225
  • 226
  • 227
  • 228
  • 229
  • 230
  • 231
  • 232
  • 233
  • 234
  • 235
  • 236
  • 237
  • 238
  • 239
  • 240
  • 241
  • 242
  • 243
  • 244
  • 245
  • 246
  • 247
  • 248
  • 249
  • 250
  • 251
  • 252
  • 253
  • 254
  • 255
  • 256
  • 257
  • 258
  • 259
  • 260
  • 261
  • 262
  • 263
  • 264
  • 265
  • 266
  • 267
  • 268
  • 269
  • 270
  • 271
  • 272
  • 273
  • 274
  • 275
  • 276
  • 277
  • 278
  • 279
  • 280
  • 281
  • 282
  • 283
  • 284
  • 285
  • 286
  • 287
  • 288
  • 289
  • 290
  • 291
  • 292
  • 293
  • 294
  • 295
  • 296
  • 297
  • 298
  • 299
  • 300
  • 301
  • 302
  • 303
  • 304
  • 305
  • 306
  • 307
  • 308
  • 309
  • 310
  • 311
  • 312
  • 313
  • 314
  • 315
  • 316
  • 317
  • 318
  • 319
  • 320
  • 321
  • 322
  • 323
  • 324
  • 325
  • 326
  • 327
  • 328
  • 329
  • 330
  • 331
  • 332
  • 333
  • 334
  • 335
  • 336
  • 337
  • 338
  • 339
  • 340
  • 341
  • 342
  • 343
  • 344
  • 345
  • 346
  • 347
  • 348
  • 349
  • 350
  • 351
  • 352
  • 353
  • 354
  • 355
  • 356
  • 357
  • 358
  • 359
  • 360
  • 361
  • 362
  • 363
  • 364
  • 365
  • 366
  • 367
  • 368
  • 369
  • 370
  • 371
  • 372
  • 373
  • 374
  • 375
  • 376
  • 377
  • 378
  • 379
  • 380
  • 381
  • 382
  • 383
  • 384
  • 385
  • 386
  • 387
  • 388
  • 389
  • 390
  • 391
  • 392
  • 393
  • 394
  • 395
  • 396
  • 397
  • 398
  • 399
  • 400
  • 401
  • 402
  • 403
  • 404
  • 405
  • 406
  • 407
  • 408
  • 409
  • 410
  • 411
  • 412
  • 413
  • 414
  • 415
  • 416
  • 417
  • 418
  • 419
  • 420
  • 421
  • 422
  • 423
  • 424
  • 425
  • 426
  • 427
  • 428
  • 429
  • 430
  • 431
  • 432
  • 433
  • 434
  • 435
  • 436
  • 437
  • 438
  • 439

Pedone ubriaco investito di chi è la colpa

 

Concorso di colpa se il pedone ubriaco attraversa di notte una strada provinciale buia e senza guardare a destra e sinistra.

Immagina di percorrere in auto una strada poco illuminata. È sera e d’un tratto, da un cespuglio, sbuca un pedone il quale, senza guardare a destra e a sinistra, attraversa fuori dalle strisce. Non si accorge della tua presenza, né tu riesci ad anticipare la sua imprevedibile condotta. Freni bruscamente ma non tanto per evitare di investirlo. L’uomo cade a terra e si fa male. Quando arriva l’ambulanza, però, si scopre che l’infortunato era palesemente ubriaco. Il che ha concorso a cancellare in lui il normale freno della prudenza. Ti chiedi se questa circostanza possa esimerti da ogni responsabilità e salvarti da una – altrimenti sicura – condanna penale per le lesioni provocate senza colpa. A spiegare cosa succede in questi casi è un’ordinanza della Cassazione pubblicata proprio questa mattina.

La Corte si è occupata di un caso del tutto simile a quello in cui sei appena capitato, tuo malgrado. Dalle parole dei giudici supremi potrai così capire di chi è la colpa per il pedone ubriaco investito e sapere cosa concretamente rischi anche tu.
Pedone investito: di chi è la colpa?

 

È sbagliato credere che se il pedone non attraversa sulle strisce o si trova in mezzo a una strada ad alta percorrenza è in torto. L’automobilista non solo deve tenere una velocità nei limiti previsti dal codice, ma anche commisurata alle condizioni concrete della strada. Ad esempio in un centro urbano deve prefigurarsi la possibilità che ci sia qualcuno che cammini al margine del marciapiede o che attraversi sul più bello, specie negli orari di punta o in prossimità di scuole e parchi. Insomma, quello che dicono i giudici è che il conducente di una macchina, in quanto utilizza un mezzo pericoloso, deve salvaguardare sé e gli altri, prevedendo eventuali condotte imprudenti altrui.

Questo però non vuol dire che chi cammina a piedi ha sempre ragione in caso di investimento. Per quanto sia più difficile, l’automobilista può vincere un’eventuale causa contro un pedone se il comportamento di quest’ultimo dovesse risultare imprevedibile anche con la dovuta diligenza e lo scontro inevitabile. Il caso tipico è quello di chi attraversa sul più bello, sbucando da un cespuglio, senza quindi rendersi visibile. In una condizione del genere, anche andando a 30 all’ora diventa impossibile evitare lo scontro.

Se vuoi maggiori informazioni su questi aspetti ti consiglio di leggere due importanti guide:

quando il pedone investito ha ragione
quando il pedone investito non ha ragione.

Pedone ubriaco: chi ha ragione?

Il fatto che il pedone, da ubriaco, abbia attraversato la strada senza guardare e fuori dalle strisce pedonali non dà automaticamente ragione all’automobilista se questi era in grado di vederlo con anticipo e di frenare. Viceversa l’attraversamento di una strada provinciale non illuminata e in un’ora buia impone l’adozione di maggiore prudenza che, tuttavia, da ubriachi non si osserva. Quindi se l’investimento avviene in una condizione del genere, dove il conducente – pur andando a una velocità moderata e addirittura al di sotto dei limiti – mai avrebbe potuto evitare lo scontro, è il pedone ad avere colpa.

Tra questi due estremi ci possono poi essere una serie di ipotesi “grigie” dove la colpa viene bilanciata tra le due parti (cosiddetto “concorso di colpa”).

Da un punto di vista pratico, però, per l’automobilista potrebbe risultare estremamente complesso trovare le prove della propria innocenza, dovendo questi procurarsi un testimone che riferisca di aver visto il soggetto investito attraversare la strada all’improvviso, senza guardare, magari con andamento barcollante e che puzzava di alcol. Se questi, portato in ospedale subito dopo il fatto, dovesse risultare positivo all’etilometro, allora ci sarebbe più di una possibilità per una riduzione della pena.

Se la vittima attraversa una strada ad alta percorrenza (come una strada provinciale), priva di illuminazione artificiale e in un’ora buia, è di certo a suo carico l’onere di usare la massima prudenza; prudenza non osservata proprio in ragione dello stato di ubriachezza.

 

Fonte: https://www.laleggepertutti.it/255078_pedone-ubriaco-investito-di-chi-e-la-colpa

Utilizziamo cookies per fornirti un servizio migliore. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.