• Deducibilità degli interessi attivi di mora

    Nessuna norma autorizza una deroga, per gli interessi attivi di mora, ai criteri d’imputazione per competenza fissati dall’art. 75 t.u.i.r. per tutti i componenti positivi e negativi del reddito d’impresa. La Corte di Cassazione respinge il ricorso dell’Agenzia delle Entrate che aveva recuperato a tassazione interessi attivi di mora ritenendoli Continua
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
  • 50
  • 51
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • 57
  • 58
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • 63
  • 64
  • 65
  • 66
  • 67
  • 68
  • 69
  • 70
  • 71
  • 72
  • 73
  • 74
  • 75
  • 76
  • 77
  • 78
  • 79
  • 80
  • 81
  • 82
  • 83
  • 84
  • 85
  • 86
  • 87
  • 88
  • 89
  • 90
  • 91
  • 92
  • 93
  • 94
  • 95
  • 96
  • 97
  • 98
  • 99
  • 100
  • 101
  • 102
  • 103
  • 104
  • 105
  • 106
  • 107
  • 108
  • 109
  • 110
  • 111
  • 112
  • 113
  • 114
  • 115
  • 116
  • 117
  • 118
  • 119
  • 120
  • 121
  • 122
  • 123
  • 124
  • 125
  • 126
  • 127
  • 128
  • 129
  • 130
  • 131
  • 132
  • 133
  • 134
  • 135
  • 136
  • 137
  • 138
  • 139
  • 140
  • 141
  • 142
  • 143
  • 144
  • 145
  • 146
  • 147
  • 148
  • 149
  • 150
  • 151
  • 152
  • 153
  • 154
  • 155
  • 156
  • 157
  • 158
  • 159
  • 160
  • 161
  • 162
  • 163
  • 164
  • 165
  • 166
  • 167
  • 168
  • 169
  • 170
  • 171
  • 172
  • 173
  • 174
  • 175
  • 176
  • 177
  • 178
  • 179
  • 180
  • 181
  • 182
  • 183
  • 184
  • 185
  • 186
  • 187
  • 188
  • 189
  • 190
  • 191
  • 192
  • 193
  • 194
  • 195
  • 196
  • 197
  • 198
  • 199
  • 200
  • 201
  • 202
  • 203
  • 204
  • 205
  • 206
  • 207
  • 208
  • 209
  • 210
  • 211
  • 212
  • 213
  • 214
  • 215
  • 216
  • 217
  • 218
  • 219
  • 220
  • 221
  • 222
  • 223
  • 224
  • 225
  • 226
  • 227
  • 228
  • 229
  • 230
  • 231
  • 232
  • 233
  • 234
  • 235
  • 236
  • 237
  • 238
  • 239
  • 240
  • 241
  • 242
  • 243
  • 244
  • 245
  • 246
  • 247
  • 248
  • 249
  • 250
  • 251
  • 252
  • 253
  • 254
  • 255
  • 256
  • 257
  • 258
  • 259
  • 260
  • 261
  • 262
  • 263
  • 264
  • 265
  • 266
  • 267
  • 268
  • 269
  • 270
  • 271
  • 272
  • 273
  • 274
  • 275
  • 276
  • 277
  • 278
  • 279
  • 280
  • 281
  • 282
  • 283
  • 284
  • 285
  • 286
  • 287
  • 288
  • 289
  • 290
  • 291
  • 292
  • 293
  • 294
  • 295
  • 296
  • 297
  • 298
  • 299
  • 300
  • 301
  • 302
  • 303
  • 304
  • 305
  • 306
  • 307
  • 308
  • 309
  • 310
  • 311
  • 312
  • 313
  • 314
  • 315
  • 316
  • 317
  • 318
  • 319
  • 320
  • 321
  • 322
  • 323
  • 324
  • 325
  • 326
  • 327
  • 328
  • 329
  • 330
  • 331
  • 332
  • 333
  • 334
  • 335
  • 336
  • 337
  • 338
  • 339
  • 340
  • 341
  • 342
  • 343
  • 344
  • 345
  • 346
  • 347
  • 348
  • 349
  • 350
  • 351
  • 352
  • 353
  • 354
  • 355
  • 356
  • 357
  • 358
  • 359
  • 360
  • 361
  • 362
  • 363
  • 364
  • 365
  • 366
  • 367
  • 368
  • 369
  • 370
  • 371
  • 372
  • 373
  • 374
  • 375
  • 376
  • 377
  • 378
  • 379
  • 380
  • 381
  • 382
  • 383
  • 384
  • 385
  • 386
  • 387
  • 388
  • 389
  • 390
  • 391
  • 392
  • 393
  • 394
  • 395
  • 396
  • 397
  • 398
  • 399
  • 400
  • 401
  • 402
  • 403
  • 404
  • 405
  • 406
  • 407
  • 408
  • 409
  • 410
  • 411
  • 412
  • 413
  • 414
  • 415
  • 416
  • 417
  • 418
  • 419
  • 420
  • 421
  • 422
  • 423
  • 424
  • 425
  • 426
  • 427
  • 428
  • 429
  • 430
  • 431
  • 432
  • 433
  • 434
  • 435
  • 436
  • 437
  • 438
  • 439
  • 440
  • 441

Pec equivalente a raccomandata con ricevuta di ritorno

 

La Corte di Appello di Brescia, con la sentenza n. 4 del 3 gennaio 2019, precisa che la Posta Elettronica Certificata è l’unico strumento telematico, a differenza della e-mail ordinaria, a offrire le stesse garanzie di ricezione della raccomandata con ricevuta di ritorno.

Vai alla Sentenza

 

La sentenza di primo grado, impugnata dinanzi la Corte d’Appello di Brescia, aveva dichiarato cessata la materia del contendere tra un condomino ed il relativo condominio, condannando il primo alle spese di lite per soccombenza virtuale.

Detto condomino, pertanto, proponeva appello avverso la predetta sentenza, contestando la soccombenza virtuale, perché, pur riconoscendo cessata la materia del contendere, il Tribunale avrebbe dovuto accogliere le doglianze del condomino.

Costui, in particolare, lamentava la violazione dell’articolo 66 disp. att. Codice Civile, posto che il condominio gli avrebbe comunicato la convocazione tramite posta elettronica ordinaria, in luogo della più corretta trasmissione a mezzo posta elettronica certificata, in grado di assicurare certezza della ricezione del messaggio.

Al contrario, il Tribunale – pur riconoscendo che la PEC è strumento idoneo a garantire la ricezione del messaggio – rigetta l’eccezione del condomino, affermando che egli stesso avrebbe indicato un indirizzo di posta elettronica ordinaria per ricevere le comunicazioni condominiali.
Diritto e nuove tecnologie - Prontuario giuridico-informatico

 

La pronuncia esprime un principio corretto e condivisibile, ma suscita alcuni dubbi, che solo la conoscenza delle risultanze processuali potrebbero dipanare, pur potendosi effettuare delle ipotesi dalla lettura della motivazione.

Come anticipato, il giudice di primo grado asserisce giustamente l’equivalenza tra PEC e raccomandata con ricevuta di ritorno, come sancito indirettamente dall’articolo 48 del Codice dell’Amministrazione Digitale. Tuttavia, incuriosisce che l’indirizzo di posta elettronica indicato dal condomino sia del tipo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.: ebbene, anche visitando il sito del relativo fornitore, appare chiaro che il dominio “legalmail” è un dominio di posta elettronica certificata, non comprendendosi perché il giudice lo abbia inteso come un indirizzo di e-mail ordinaria.

Le spiegazioni potrebbero essere due: il condomino non è stato in grado di esplicitare adeguatamente negli atti difensivi la natura di PEC degli indirizzi aventi dominio “legalmail” oppure sia il Tribunale che la Corte d’Appello non ne hanno compreso la natura, omettendo di approfondire sufficientemente l’aspetto tecnico del dominio. Probabilmente, la casella PEC del condomino era aperta alla ricezione anche di messaggi di posta elettronica ordinaria e la circostanza ha tratto in inganno i giudicanti: infatti, è tecnicamente possibile che le caselle PEC ricevano anche messaggi e-mail ordinari, rimettendo alla scelta del titolare della casella se limitare la ricezione esclusivamente a messaggi di posta elettronica certificata. Quindi, il messaggio di convocazione al condomino deve essere comunque giunto a destinazione, pur in assenza di ricevuta di ritorno, inducendo il giudice a ritenere consegnata la comunicazione.

Conclusivamente, la vicenda conferma la necessità per la classe forense di mutare il proprio approccio alla tecnologia informatica, sforzandosi di comprenderne adeguatamente le caratteristiche tecniche, al fine di approntare la miglior difesa possibile.
Esito

Rigetto.
Riferimenti normativi

Art. 66, disp. att. Codice Civile;

Art. 48, Codice dell’Amministrazione Digitale.

 

Fonte: https://www.altalex.com/documents/news/2019/02/22/pec-equivalente-a-raccomandata-con-ricevuta-di-ritorno

Utilizziamo cookies per fornirti un servizio migliore. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.