• Deducibilità degli interessi attivi di mora

    Nessuna norma autorizza una deroga, per gli interessi attivi di mora, ai criteri d’imputazione per competenza fissati dall’art. 75 t.u.i.r. per tutti i componenti positivi e negativi del reddito d’impresa. La Corte di Cassazione respinge il ricorso dell’Agenzia delle Entrate che aveva recuperato a tassazione interessi attivi di mora ritenendoli Continua
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
  • 50
  • 51
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • 57
  • 58
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • 63
  • 64
  • 65
  • 66
  • 67
  • 68
  • 69
  • 70
  • 71
  • 72
  • 73
  • 74
  • 75
  • 76
  • 77
  • 78
  • 79
  • 80
  • 81
  • 82
  • 83
  • 84
  • 85
  • 86
  • 87
  • 88
  • 89
  • 90
  • 91
  • 92
  • 93
  • 94
  • 95
  • 96
  • 97
  • 98
  • 99
  • 100
  • 101
  • 102
  • 103
  • 104
  • 105
  • 106
  • 107
  • 108
  • 109
  • 110
  • 111
  • 112
  • 113
  • 114
  • 115
  • 116
  • 117
  • 118
  • 119
  • 120
  • 121
  • 122
  • 123
  • 124
  • 125
  • 126
  • 127
  • 128
  • 129
  • 130
  • 131
  • 132
  • 133
  • 134
  • 135
  • 136
  • 137
  • 138
  • 139
  • 140
  • 141
  • 142
  • 143
  • 144
  • 145
  • 146
  • 147
  • 148
  • 149
  • 150
  • 151
  • 152
  • 153
  • 154
  • 155
  • 156
  • 157
  • 158
  • 159
  • 160
  • 161
  • 162
  • 163
  • 164
  • 165
  • 166
  • 167
  • 168
  • 169
  • 170
  • 171
  • 172
  • 173
  • 174
  • 175
  • 176
  • 177
  • 178
  • 179
  • 180
  • 181
  • 182
  • 183
  • 184
  • 185
  • 186
  • 187
  • 188
  • 189
  • 190
  • 191
  • 192
  • 193
  • 194
  • 195
  • 196
  • 197
  • 198
  • 199
  • 200
  • 201
  • 202
  • 203
  • 204
  • 205
  • 206
  • 207
  • 208
  • 209
  • 210
  • 211
  • 212
  • 213
  • 214
  • 215
  • 216
  • 217
  • 218
  • 219
  • 220
  • 221
  • 222
  • 223
  • 224
  • 225
  • 226
  • 227
  • 228
  • 229
  • 230
  • 231
  • 232
  • 233
  • 234
  • 235
  • 236
  • 237
  • 238
  • 239
  • 240
  • 241
  • 242
  • 243
  • 244
  • 245
  • 246
  • 247
  • 248
  • 249
  • 250
  • 251
  • 252
  • 253
  • 254
  • 255
  • 256
  • 257
  • 258
  • 259
  • 260
  • 261
  • 262
  • 263
  • 264
  • 265
  • 266
  • 267
  • 268
  • 269
  • 270
  • 271
  • 272
  • 273
  • 274
  • 275
  • 276
  • 277
  • 278
  • 279
  • 280
  • 281
  • 282
  • 283
  • 284
  • 285
  • 286
  • 287
  • 288
  • 289
  • 290
  • 291
  • 292
  • 293
  • 294
  • 295
  • 296
  • 297
  • 298
  • 299
  • 300
  • 301
  • 302
  • 303
  • 304
  • 305
  • 306
  • 307
  • 308
  • 309
  • 310
  • 311
  • 312
  • 313
  • 314
  • 315
  • 316
  • 317
  • 318
  • 319
  • 320
  • 321
  • 322
  • 323
  • 324
  • 325
  • 326
  • 327
  • 328
  • 329
  • 330
  • 331
  • 332
  • 333
  • 334
  • 335
  • 336
  • 337
  • 338
  • 339
  • 340
  • 341
  • 342
  • 343
  • 344
  • 345
  • 346
  • 347
  • 348
  • 349
  • 350
  • 351
  • 352
  • 353
  • 354
  • 355
  • 356
  • 357
  • 358
  • 359
  • 360
  • 361
  • 362
  • 363
  • 364
  • 365
  • 366
  • 367
  • 368
  • 369
  • 370
  • 371
  • 372
  • 373
  • 374
  • 375
  • 376
  • 377
  • 378
  • 379
  • 380
  • 381
  • 382
  • 383
  • 384
  • 385
  • 386
  • 387
  • 388
  • 389
  • 390
  • 391
  • 392
  • 393
  • 394
  • 395
  • 396
  • 397
  • 398
  • 399
  • 400
  • 401
  • 402
  • 403
  • 404
  • 405
  • 406
  • 407
  • 408
  • 409
  • 410
  • 411
  • 412
  • 413
  • 414
  • 415
  • 416
  • 417
  • 418
  • 419
  • 420
  • 421
  • 422
  • 423
  • 424
  • 425
  • 426
  • 427
  • 428
  • 429
  • 430
  • 431
  • 432
  • 433
  • 434
  • 435
  • 436
  • 437
  • 438
  • 439
  • 440
  • 441
  • 442
  • 443
  • 444
  • 445
  • 446
  • 447
  • 448
  • 449
  • 450
  • 451
  • 452
  • 453
  • 454
  • 455
  • 456
  • 457
  • 458
  • 459
  • 460
  • 461
  • 462
  • 463
  • 464
  • 465
  • 466
  • 467
  • 468
  • 469
  • 470
  • 471
  • 472
  • 473
  • 474

Risarcimento sportellata

Risarcimento sportellata

 

Incidenti stradali: come farsi risarcire la portiera danneggiata dalla macchina accanto.

Il più frequente caso di incidente stradale – se così vogliamo chiamarlo – è quello della “sportellata”. È capitato a tutti di aprire la portiera dell’auto e di urtare la macchina accanto, a volte rovinandone la carrozzeria, altre solo la vernice. Si può, in questi casi, attivare l’assicurazione e ne vale davvero la pena? Cause in tribunale per risarcimento da sportellata non ce ne sono molte chiaramente, ma i principi affermati dalla giurisprudenza in merito ai danni automobilistici consentono di fare il punto della situazione e di stabilire come muoversi in tali casi.

Indice

1 Sportellata: bisogna fare l’assicurazione?
2 Sportellata: a quanto ammonta il risarcimento?
3 Se l’auto che dà la sportellata scappa, che fare?

Sportellata: bisogna fare l’assicurazione?

Leggi tutto...

Casello: si può fare inversione di marcia?

Casello si può fare inversione di marcia

 

In un caso di sanzione amministrativa per inversione ad U in prossimità del casello, la Corte precisa che le aree per l’incolonnamento dei veicoli fanno parte dell’autostrada e sono soggette alle medesime regole, che siano rampe, svincoli ecc.

Immaginiamo che un automobilista, arrivato in prossimità del casello, si incolonni in una fila di macchine particolarmente lenta. Per velocizzare il proprio passaggio al di là della sbarra, decide di oltrepassare le linee continue disegnate sull’asfalto per immettersi in un’altra fila. Le telecamere sono lì vicino e lo inquadrano. Rischia una multa?

Immaginiamo, allo stesso modo ma sul lato opposto del casello, che un uomo, dopo aver pagato il pedaggio, si immetta in una direzione ma poi, accorgendosi di aver sbagliato strada, faccia inversione ad U e imbocchi una differente uscita. Cosa rischierebbe se, anche in questo caso, le telecamere dovessero riprendere la sua condotta imprudente?

Di recente, la Cassazione è stata chiamata a giudicare la natura del piazzale posto immediatamente prima e dopo il casello autostradale e a chiarire se, lì, si può fare inversione di marcia. La pronuncia è chiaramente rivolta a verificare se, in ipotesi del genere, è possibile elevare una multa stradale. Multa che, si badi bene, è particolarmente elevata e va da un minimo di 2.006 euro ad un massimo di 8.025 euro.

Cerchiamo di fare il punto della situazione, spiegando qual è stata l’opinione sposata dalla Corte.
Condotta in autostrada

Leggi tutto...

In arrivo l’alcol-lock: auto bloccata se si è ubriachi

In arrivo lalcol lock auto bloccata se si è ubriachi

 

Presentata una proposta di legge per utilizzare un sistema simile al palloncino che impedisce l’avvio della macchina a chi ha bevuto troppo.

Chi non la capisce con le buone maniere, ora la capirà con le meno buone. Arriva in Italia l’auto-lock, il sistema già adottato in altri Paesi europei per bloccare l’auto di chi ha bevuto troppo ed impedire che si metta di nuovo al votante della sua macchina. La proposta di legge è stata presentata dal Cnel, il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro, attraverso la Consulta nazionale per la sicurezza stradale e la mobilità sostenibile. Uno strumento che potrebbe rivelarsi molto utile, visto che – statistiche alla mano – nel nostro Paese le probabilità di essere fermati per fare un alcoltest sono dello 0,00007%, cioè una volta ogni 39 anni. A meno che uno sia particolarmente sfortunato.

E visto che gli incidenti stradali provocati dall’abuso di alcol si sono più che triplicati negli ultimi 20 anni, il Cnel lancia questa proposta «che non comporta oneri aggiuntivi per le casse dello Stato dal momento che installazione e manutenzione del dispositivo sono a carico del soggetto sanzionato», come spiega lo stesso Consiglio nazionale. Lo scopo, naturalmente, è quello di prevedere che, chi viola la disposizione, sia oggetto «di una specifica prescrizione per la guida che andrebbe resa esplicita sulla patente come previsto dalla vigente normativa europea».

L’alcol-lock è un apparecchio molto simile al solito «palloncino» ma che si collega all’accensione della macchina. Bisogna soffiare appena ci si mette al volante e blocca l’avvio dell’auto nel caso in cui si superi il limite alcolemico fissato dalla legge.

Significa che se da una parte la Polizia può fare questa prova durante un normale controllo ed impedire che chi ha alzato troppo il gomito continui a guidare, dall’altra il test può essere fatto volontariamente quando si ha il dubbio di essere al di sopra della soglia consentita. In questo modo, uno si fa accompagnare a casa ed evita tutta una serie di conseguenze negative: farsi male, fare del male agli altri, pagare una multa, vedersi togliere i punti dalla patente o, addirittura, il permesso di guida.

L’iter legislativo dovrebbe essere breve, ma il ministero dei Trasporti dovrà emanare un decreto per definire le caratteristiche dell’apparecchio e le modalità di installazione.

 

Fonte: https://www.laleggepertutti.it/428272_in-arrivo-lalcol-lock-auto-bloccata-se-si-e-ubriachi

Documenti in auto: quali sono obbligatori?

Documenti in auto quali sono obbligatori

 

«Patente e libretto», come di prassi. Ma il bollo? E l’assicurazione? E il certificato di revisione? E la conformità del seggiolino del bimbo?

Di solito, quando vieni fermati ad un posto di blocco o di controllo per strada, ti aspetti che il poliziotto, il carabiniere o il finanziere ti dica la frase di rito e ti chieda «patente e libretto». Raramente ci si sente dire: «Favorisca il certificato di conformità dell’allarme antiabbandono del seggiolino del bambino». A chiunque si gelerebbe il sangue davanti a una richiesta del genere, temendo per un attimo di averlo lasciato a casa infilato nella cartella delle fatture e le ricevute. Pensando ai documenti in auto, quali sono obbligatori? Che cosa non deve mancare mai in tasca o nel vano portaoggetti posto davanti al sedile del passeggero?

Bisognerebbe prendere la sana abitudine di controllare non solo se nella macchina ci sono tutti i documenti che siamo tenuti a portare con noi ogni volta che ci mettiamo alla guida, ma anche se sono ancora validi. La memoria, si sa, fa brutti scherzi e dovendo pensare a risolvere i problemi quotidiani, è facile dimenticare le scadenze semestrali o annuali.

Prima, però, occorre fare mente locale per ricordare quali sono i documenti da portare obbligatoriamente in auto. Alcuni, come il libretto, sono fin troppo scontati. Altri, come il certificato della revisione obbligatoria, possono sfuggire. E non è detto che siano obbligatori. Vediamo.

Indice

1 Documenti in auto: la patente
1.1 Sanzioni
2 Documenti in auto: il libretto di circolazione
2.1 Sanzioni
3 Documenti in auto: il certificato di revisione obbligatoria
4 Documenti in auto: l’assicurazione obbligatoria
4.1 Sanzioni
5 Documenti in auto: la ricevuta del bollo
6 Documenti in auto: certificato di conformità del seggiolino

Documenti in auto: la patente

Leggi tutto...

Utilizziamo cookies per fornirti un servizio migliore. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.