• Deducibilità degli interessi attivi di mora

    Nessuna norma autorizza una deroga, per gli interessi attivi di mora, ai criteri d’imputazione per competenza fissati dall’art. 75 t.u.i.r. per tutti i componenti positivi e negativi del reddito d’impresa. La Corte di Cassazione respinge il ricorso dell’Agenzia delle Entrate che aveva recuperato a tassazione interessi attivi di mora ritenendoli Continua
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
  • 50
  • 51
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • 57
  • 58
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • 63
  • 64
  • 65
  • 66
  • 67
  • 68
  • 69
  • 70
  • 71
  • 72
  • 73
  • 74
  • 75
  • 76
  • 77
  • 78
  • 79
  • 80
  • 81
  • 82
  • 83
  • 84
  • 85
  • 86
  • 87
  • 88
  • 89
  • 90
  • 91
  • 92
  • 93
  • 94
  • 95
  • 96
  • 97
  • 98
  • 99
  • 100
  • 101
  • 102
  • 103
  • 104
  • 105
  • 106
  • 107
  • 108
  • 109
  • 110
  • 111
  • 112
  • 113
  • 114
  • 115
  • 116
  • 117
  • 118
  • 119
  • 120
  • 121
  • 122
  • 123
  • 124
  • 125
  • 126
  • 127
  • 128
  • 129
  • 130
  • 131
  • 132
  • 133
  • 134
  • 135
  • 136
  • 137
  • 138
  • 139
  • 140
  • 141
  • 142
  • 143
  • 144
  • 145
  • 146
  • 147
  • 148
  • 149
  • 150
  • 151
  • 152
  • 153
  • 154
  • 155
  • 156
  • 157
  • 158
  • 159
  • 160
  • 161
  • 162
  • 163
  • 164
  • 165
  • 166
  • 167
  • 168
  • 169
  • 170
  • 171
  • 172
  • 173
  • 174
  • 175
  • 176
  • 177
  • 178
  • 179
  • 180
  • 181
  • 182
  • 183
  • 184
  • 185
  • 186
  • 187
  • 188
  • 189
  • 190
  • 191
  • 192
  • 193
  • 194
  • 195
  • 196
  • 197
  • 198
  • 199
  • 200
  • 201
  • 202
  • 203
  • 204
  • 205
  • 206
  • 207
  • 208
  • 209
  • 210
  • 211
  • 212
  • 213
  • 214
  • 215
  • 216
  • 217
  • 218
  • 219
  • 220
  • 221
  • 222
  • 223
  • 224
  • 225
  • 226
  • 227
  • 228
  • 229
  • 230
  • 231
  • 232
  • 233
  • 234
  • 235
  • 236
  • 237
  • 238
  • 239
  • 240
  • 241
  • 242
  • 243
  • 244
  • 245
  • 246
  • 247
  • 248
  • 249
  • 250
  • 251
  • 252
  • 253
  • 254
  • 255
  • 256
  • 257
  • 258
  • 259
  • 260
  • 261
  • 262
  • 263
  • 264
  • 265
  • 266
  • 267
  • 268
  • 269
  • 270
  • 271
  • 272
  • 273
  • 274
  • 275
  • 276
  • 277
  • 278
  • 279
  • 280
  • 281
  • 282
  • 283
  • 284
  • 285
  • 286
  • 287
  • 288
  • 289
  • 290
  • 291
  • 292
  • 293
  • 294
  • 295
  • 296
  • 297
  • 298
  • 299
  • 300
  • 301
  • 302
  • 303
  • 304
  • 305
  • 306
  • 307
  • 308
  • 309
  • 310
  • 311
  • 312
  • 313
  • 314
  • 315
  • 316
  • 317
  • 318
  • 319
  • 320
  • 321
  • 322
  • 323
  • 324
  • 325
  • 326
  • 327
  • 328
  • 329
  • 330
  • 331
  • 332
  • 333
  • 334
  • 335
  • 336
  • 337
  • 338
  • 339
  • 340
  • 341
  • 342
  • 343
  • 344
  • 345
  • 346
  • 347
  • 348
  • 349
  • 350
  • 351
  • 352
  • 353
  • 354
  • 355
  • 356
  • 357
  • 358
  • 359
  • 360
  • 361
  • 362
  • 363
  • 364
  • 365
  • 366
  • 367
  • 368
  • 369
  • 370
  • 371
  • 372
  • 373
  • 374
  • 375
  • 376
  • 377
  • 378
  • 379
  • 380
  • 381
  • 382
  • 383
  • 384
  • 385
  • 386
  • 387
  • 388
  • 389
  • 390
  • 391
  • 392
  • 393
  • 394
  • 395
  • 396
  • 397
  • 398
  • 399
  • 400
  • 401
  • 402
  • 403
  • 404
  • 405
  • 406
  • 407
  • 408
  • 409
  • 410
  • 411
  • 412
  • 413
  • 414
  • 415
  • 416
  • 417
  • 418
  • 419
  • 420
  • 421
  • 422
  • 423
  • 424
  • 425
  • 426
  • 427
  • 428
  • 429
  • 430
  • 431
  • 432
  • 433
  • 434
  • 435
  • 436
  • 437
  • 438
  • 439
  • 440
  • 441
  • 442
  • 443
  • 444
  • 445
  • 446
  • 447
  • 448
  • 449
  • 450
  • 451
  • 452
  • 453
  • 454
  • 455
  • 456
  • 457
  • 458
  • 459
  • 460
  • 461

Terzo trasportato non deve provare la dinamica del sinistro

Terzo trasportato non deve provare la dinamica del sinistro

 

Il terzo trasportato deve provare il sinistro ed il nesso di causalità tra l’incidente ed il danno da risarcire. E’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, nella sentenza del 13 ottobre 2016, n. 20654.

Nella vicenda in oggetto, le ricorrenti avevano impugnato in cassazione la sentenza di appello, con cui il Tribunale, condividendo la valutazione effettuata dal giudice di pace, secondo il quale non sarebbe stato assolto l'onere probatorio, aveva rigettato il gravame proposto.

Le ricorrenti, richiamando l'articolo 141 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, deducevano che il Tribunale sarebbe incorso in errore, in quanto aveva disposto che fosse la parte attrice, quale terzo trasportato, a dover dimostrare la responsabilità del conducente del veicolo, in palese violazione della norma sopra indicata, che escluderebbe l’esistenza di tale onere a carico del terzo. Pertanto, sostenevano, che sarebbe stato provato il fatto, ovvero che la minore era trasportata a bordo di un motociclo; che questo era caduto provocando la caduta della stessa, la quale aveva riportato lesioni da risarcire.

Leggi tutto...

Incidenti: i testimoni vanno indicati subito

Incidenti i testimoni vanno indicati subito

 

Chi non comunica all’assicurazione, con la denuncia di sinistro o nei 60 giorni successivi dalla richiesta dell’assicurazione stessa, il nome e il cognome dei testimoni perde la possibilità di chiamarli in causa.

Chi non indica subito all’assicurazione il nome dei testimoni intervenuti sul luogo dell’incidente stradale, perde la possibilità di valersene poi in una eventuale causa per ottenere il risarcimento del danno. Inoltre non si potrà più testimoniare per più di 3 volte nell’arco di cinque anni, altrimenti si verrà segnalati dal giudice alla Procura della Repubblica. Sono queste le novità appena introdotte con il decreto concorrenza approvato dal Parlamento. Ma procediamo con ordine e vediamo cosa succede in caso di incidenti stradali e come funziona l’obbligo di indicare subito i testimoni.

Leggi tutto...

Sinistro stradale: fondo di garanzia risarcisce anche se veicolo viene identificato successivamente

Sinistro stradale fondo di garanzia risarcisce anche se veicolo viene identificato successivamente

 

Il Fondo di garanzia risarcisce anche se viene scoperto il responsabile durante il processo: è quanto stabilito dalla Cassazione Civile, Sezione III, con la sentenza 22 novembre 2016 n. 23710.

La legittimazione passiva dell'impresa designata al Fondo resta stabilizzata per tutto il corso del giudizio.

Il fatto

Tribunale e Corte di appello rigettavano la domanda risarcitoria rivolta nei confronti del Fondo di garanzia per le vittime della strada, per i danni patiti a seguito della morte da investimento ad opera di autovettura rimasta sconosciuta nel sinistro.

La decisione

Il danneggiato che promuova richiesta di risarcimento nei confronti dell'impresa designata per il Fondo di garanzia per le vittime della strada ha l'onere di provare, oltre al fatto che il sinistro si è verificato per condotta dolosa o colposa del conducente di un altro veicolo (o natante), che questo sia rimasto sconosciuto, senza che possa addebitarsi al danneggiato l'onere di indagini articolate o complesse, purché egli abbia tenuto una condotta diligente (cfr., tra le altre, Cass., 13 luglio 2011, n. 15367; analogamente: Cass., 8 marzo 1990, n. 1860; Cass., 25 luglio 1995, n. 8086; Cass., 3 settembre 2007, n. 18532; Cass., 4 novembre 2014, n. 23434; Cass., 18 settembre 2015, n. 18308).

Leggi tutto...

Utilizziamo cookies per fornirti un servizio migliore. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.